Le rose sfiorite, un vero disastro.

Ma le rose, se non sono di maggio, quando sono?

Passato il periodo ideale, è un vero disastro, con le rose sfiorite.

Conoscendo molto bene il #castellodiagliè, sò quando e dove conviene andare. Nel mio lavoro di Fotografo per Matrimoni, questo è importante!

Una residenza reale, come il castello ducale di Agliè, è una location molto gettonata, ed anche i saloni interni sono disponibili per le fotografie. Per i permessi è necessario rivolgersi alla sovrintendenza per i beni culturali. Ai giardini si accede con il semplice biglietto, acquastabile presso la biglietteria.

Il pregio principale di questa fotografia stà nell’accostamento tra la vecchia finestra scrostata, e il ramo di rose che taglia in diagonale l’inquadratura. Il bianco sporco, consumato, e il rosa pallido, con qualche sfumatura piu scura, dei fiori. (Tutti gli elementi importanti di una fotografia (secondo John Hedgecoe Mr. John Hedgecoe) : pattern, texture, e forma, sono molto curati). “Casualmente“, oltre il vetro si trovava, una coppia di sposi, che con la loro presenza “ha riempito” lo spazio in alto a sinistra, altrimenti troppo vuoto e nero. Cinzia e Vincenzo furono molto contenti di questo scatto. Oggi hanno questa fotografia in bella mostra nel loro album dei ricordi.

la finestra con le rose
Rose di maggio al castello ducale #castelloducale #castellodiagliè
Ricordo che era una giornata dall’andamento meteo incerto, all’inizio anche un po piovosa. Ricordo la sposa e lo sposo arrivati in chiesa sotto ombrello. Qui al castello ducale di Agliè,  un po di sole velato,  proiettava sui soggetti ombre morbide. Non è mai l’ora ideale, quella che corre tra la cerimonia ed il pranzo, per scattare fotografie all’aperto. Il sole è alto sullo zenit, ed il paesaggio appare piatto. Poco adatta anche per i ritratti. Con un po di mestiere si risolvono alcuni problemi, ma conviene rimandare a piu tardi il tempo per le fotografie piu belle.

Pubblicato da Franco Sacconier, fotografo di matrimoni, san giorgio canavese, torino.